Le allergie dell'autunno

Piante e acari sono i principali responsabili delle allergie autunnali che tornano a dar fastidio anche a causa del tasso di umidità.

Se pensavate di esservi lasciati alle spalle il periodo dell'anno più fastidioso per le allergie, vi sbagliate perchè la probabilità di "soffrire" di questo disturbo non si riduce affatto in autunno, ma anzi persiste.

In questa stagione, infatti, la temperatura intorno ai 23 gradi e il tasso di umidità vicino al 60% comporta un aumento del rischio.

Ma da dove arriva la fonte allergenica? Se in primavera il nemico sono i pollini e in estate aumenta il rischio di allergie alimentari, a causa di alcuni frutti come le pesche e le albicocche, in autunno c'è da fare i conti soprattutto con le allergie di tipo respiratorio.

Per esempio, un tipico allergene che si riattiva in questa fase è la Parietaria officinalis, pianta della famiglia delle Urticaceae e quindi parente stretta dell'ortica, che si ritrova sui muri e che provoca asma e riniti non solo in primavera, ma anche in questi mesi.

E' un polline particolarmente cattivo perché di ridotte dimensioni e pertanto dotato di elevata capacità di penetrazione nelle vie aeree.

E a peggiorare ulteriormente la situazione c'è il fatto che l'autunno è anche un periodo favorevole alla riproduzione degli acari della polvere che sono la principale fonte dei problemi respiratori.

RISPETTIAMO LA TUA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie, sia di prima che di terze parti, per finalità statistiche, tecniche e, previo tuo consenso, anche di profilazione, al fine di proporti annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, leggi informativa sulla privacy e l'informativa sui cookie. Cliccando ACCETTO acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie ed accetti la nostra privacy policy.